Tag: Demilitarizziamo La Spezia

Senza bavaglio
Diritti e rovesci Eventi

Senza bavaglio

Senza bavaglio, la censura artistica e repressione ai tempi del riarmo. Questo sarà l’incontro che si terrà venerdì 22 dicembre (ore 18) presso l’ex SARS a Viareggio. SERATA BENEFIT PER LE SPESE PROCESSUALI DEI/DELLE R30 DADAIST(X) Dalla censura ai danni dei R30 dadaistX durante la mostra “Liberare Arte da Artisti” al CAMeC di La Spezia […]

William Domenichini 
WA(te)R appello alla mobilitazione contro Sea Future
Eventi Il golfo ai poeti Libri Opinioni

Da WA(te)R appello alla mobilitazione contro SeaFuture

L’art happening WA(te)R, titiamo lo sciacquone. Una due giorni intensa e ricca di spunti di riflessione, che ha lanciato un appello alla mobilitazione contro SeaFuture. Associazioni e movimenti coinvolti contro la fiera bellica che si terrà alla Spezia, dal 5 all’8 giugno 2023. Hanno partecipato all’iniziativa, promossa dal Collettivo “Dada Boom” e dal Collettivo “SuperAzione”,  […]

William Domenichini 
Opinioni

SeaFuture: affari, guerra e sostenibilità

Affari guerra sostenibilità, un mix difficilmente ottenibile se non in un modo: SeaFuture. Come far passare sotto il naso affari per la guerra in una fiera organizzata in uno dei luoghi più inquinati del territorio? Tingerla di retorica e di sostenibilità ambientale, magari mischiandole sapientemente in un’operazione di marketing accurata. Premessa Blue economy. Un modello […]

William Domenichini 
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!