Senza bavaglio
Diritti e rovesci Eventi
William Domenichini  

Senza bavaglio

Senza bavaglio, la censura artistica e repressione ai tempi del riarmo. Questo sarà l’incontro che si terrà venerdì 22 dicembre (ore 18) presso l’ex SARS a Viareggio.

SERATA BENEFIT PER LE SPESE PROCESSUALI DEI/DELLE R30 DADAIST(X)

Dalla censura ai danni dei R30 dadaistX durante la mostra “Liberare Arte da Artisti” al CAMeC di La Spezia alla conseguente risposta delle realtà spezzine impegnate da anni sul tema dell’Antimilitarismo e delle Basi Blu. Un dibattito che dall’artivismo e immaginario percorrerà sentieri di lotta e di analisi sulla repressione oggi, ai tempi del riarmo, abbracciando anche l’aspetto della criminalizzazione come nel caso di Ultima Generazione e molti altri.…

L’iniziativa, promossa dal Collettivo “Dada Boom”, Insorgiamo Viareggio e dal Cantiere Sociale Versiliese sarà l’occasione per ribadire la solidarietà all’artivista Alessandro Giannetti che dal 10 gennaio sarà a processo a La Spezia per avere scritto con il proprio sangue sul muro del museo CAMeC “demilitarizzare il mondo”, in occasione della mostra in memoria dell’artivista Giacomo Verde. Lo stesso Verde fu censurato, infatti la sua opera “Mala Polizia” non fu esposta. I curatori della mostra volevano piegare il pensiero dell’artista da renderlo innocuo e gradito alla cerchia di accademici e baroni che dell’arte hanno una sola concezione estetica.

Interverranno:

  • Alessandro Giannetti (Collettivo Dada Boom, R3o Dada)
  • William Domenichini (Murati Vivi, La Spezia)
  • Clemente Pestelli (Artivism Today, Docente Accademia di Belle Arti Carrara)
  • Guido Viero (Ultima Generazione)
  • Francesca Trasatti (legale della difesa)
  • Filippo Antonini (Presidente Provinciale ANPI)
  • Pasquale Abatangelo (Liberare Tutt*)

Dalle ore 20, Zuppa & crepes, Butterfly Circus, Perfomances e Fire Show.

Dalle ore 23 SCREEN FREQUENCIES TEKNO PARTY

Senza bavaglio, ENTRATA OFFERTA LIBERA


0 0 voti
Rating articolo
Sottoscrivi
Notificami
Lascia un tuo commento
Lascia un tuo commento

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero. Lascia un tuo commentox