Iniziative
William Domenichini  

Fari di pace

Si è concluso un doppio appuntamento alla Spezia, nella giornata di sabato 22 ottobre: Fari di Pace.

Ricreare memoria sulle attività del movimento pacifista in Liguria e alla Spezia, fare il punto della situazione attuale sul settore nazionale e locale degli armamenti, sulla produzione militare in Italia e nella nostra città, sul ruolo del porto della Spezia e, soprattutto, individuare percorsi di impegno comune in sintonia con le proposte nazionali dell’iniziativa “Fari di Pace” promossa da Pax Christi Italia e dall’Osservatorio Weapon Watch.

Nella mattinata si è tenuto un convegno, nella sala conferenze di TeleliguriaSud,

  • Il movimento pacifista in Liguria: dalla Mostra navale bellica di Genova a Seafuture.
  • La città militare della Spezia e le iniziative della società civile pacifista – Pietro Lazagna (Decano dei pacifisti spezzini)
  • L’obiezione di coscienza alla produzione militare e l’impegno per la riconversione – Elio Pagani (Presidente del Centro di Documentazione “Abbasso la guerra OdV” di Venegono e membro di Pax Christi Italia)
  • L’industria militare in Liguria dal dopoguerra ad oggi: tra riconversione al civile e specializzazione nel settore della difesa – Gianni Alioti (già Coordinatore dell’Osservatorio regionale ligure sull’industria militare e direttore dell’Ufficio Internazionale FIM-CISL)
  • Le normative sul commercio di armamenti: Legge 185/1990, Posizione Comune europea, Trattato ONU sul commercio di armi. Le esportazioni militari dell’Italia e il ruolo della società civile – Giorgio Beretta (Analista dell’Osservatorio OPAL e di Rete italiana Pace e Disarmo). La situazione oggi
  • L’industria militare oggi in Italia: il comparto militare-industriale italiano nel contesto europeo e internazionale – Carlo Cefaloni (Giornalista del mensile “Città Nuova”)
  • L’industria militare della Spezia nel contesto italiano: il polo industriale-militare della Spezia: aziende, fatturato, occupazione e sindacalizzazione. Problemi e prospettive – Carlo Tombola (Direttore di Weapon Watch e dell’Atlante dell’industria miliare italiana e coordinatore di OPAL)
  • Il porto della Spezia, commercio di armamenti e ruolo dell’Autorità portuale – Mario Sommariva (Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale)
  • La aree militari a La Spezia: per una riqualificazione sostenibile del territorio – William Domenichini (Redazione “Informazione Sostenibile”)
  • Interventi di insegnanti e studenti su “Scuola ed educazione alla Pace e alla Nonviolenza”. Proposta di Unità didattica specifica. Primi elaborati degli studenti. Coordina i vari interventi Elisabetta Manuguerra (Docente di discipline economiche, giuridiche e aziendali presso l’Istituto Professionale Einaudi Chiodo e referente d’istituto per l’Educazione civica)
  • Conclusioni: Sintesi e indicazione di alcuni percorsi possibili – Giancarlo Saccani (Coordinamento di “Fari di pace – La Spezia”)

Fari di Pace, il mio intervento

Le slide di RiconverTIAMO La Spezia


Il convegno è stato promosso dal Comitato Promotore “Fari di Pace” alla Spezia: ACLI, Accademia apuana della Pace, Ambientalmente, Archivi della Resistenza, ARCI, Arci Canaletto, Arci Damarco Sarzana, Associazione Betania amici del Sermig, Associazione Culturale Mediterraneo, Associazione Amici di Padre Damarco, Associazione di solidarietà al popolo Saharawi, Associazione Murati Vivi, Azione Cattolica, Chiesa Battista, Chiesa Metodista, Circolo Pertini, Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, Comitato Acqua-benecomune, Emergency, Gruppo di Azione Nonviolenta, Informazione Sostenibile, Glass Bell edizioni, Legambiente, Magazzini del mondo, Non una di meno, Libera-Legalitè, Movimento dei Focolarini, Unione Donne Italiane, Unione degli Studenti.

0 0 voti
Rating articolo
Sottoscrivi
Notificami
Lascia un tuo commento
Lascia un tuo commento

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero. Lascia un tuo commentox