Iniziative
William Domenichini  

Una manifestazione per riconvertire SeaFuture

Sabato 3 giugno, alle ore 17,30, partirà da piazza Garibaldi, alla Spezia, una manifestazione per riconvertire SeaFuture. Una marcia con tappe in piazza Ginocchio, piazza Beverini, incrocio corso Cavour-via Chiodo e punto di arrivo in piazza Chiodo, di fronte all’ingresso dell’Arsenale della Marina militare.

La guerra da oltre un anno imperversa in Europa, alimentata anche dall’invio di armi all’Ucraina da parte dell’Italia e di altri Paesi NATO e in assenza di una seria azione diplomatica a favore del cessate il fuoco e della pace, in uno scenario internazionale di conflitti diffusi e di tensioni crescenti in cui viene scelleratamente evocato l’utilizzo delle armi nucleari. L’Italia non si fa promotrice di una conferenza internazionale di pace, come prevede la Costituzione. Organizza invece alla Spezia, dal 5all’8 giugno all’Arsenale Militare, l’ottava edizione di SeaFuture 2023, una mostra militare-navale promossa dal comparto industriale-militare come piattaforma di affari per le aziende del settore.

Viene confermato il radicale mutamento della manifestazione avvenuto in questi anni: da evento ideato nel 2009 come “la prima fiera internazionale dell’area mediterranea dedicata a innovazione, ricerca, sviluppo e tecnologie inerenti al mare”, nel corso degli anni Seafuture è stata trasformata in una mostra militare-navale, unica in Italia. Riteniamo del tutto sbagliata la commistione militare – civile e chiediamo che SeaFuture sia riconvertito alla sua mission originaria: una fiera internazionale dell’area mediterranea dedicata a innovazione, ricerca, sviluppo delle tecnologie civili inerenti al mare, per promuovere la sostenibilità ambientale e sociale.

Consideriamo inaccettabile l’invito a partecipare all’evento rivolto dagli organizzatori ai rappresentanti delle Forze armate di Paesi esteri belligeranti dell’Africa e del Medio Oriente, responsabili di gravi violazioni dei diritti umani, delle libertà democratiche e del diritto internazionale umanitario. Quattro esempi: l’Algeria, l’Egitto, il Marocco e l’Arabia Saudita – denuncia Amnesty International – sono Paesi in cui da anni continuano senza sosta gravi violazioni dei diritti umani. Se necessario, alle esigenze del comparto militare-industriale sia dedicato uno specifico evento al difuori di Seafuture, evento da riservarsi agli operatori professionali del settore, italiani ed esteri, in rigorosa osservanza delle restrizioni sulle esportazioni di sistemi e tecnologie militari ai sensi delle normative italiane e internazionali.

Nelle nostre coscienze e nella nostra visione, il futuro dell’industria navale e del mare non possono continuare a dipendere dalla produzione e dal commercio di sistemi militari sostenuti sottraendo risorse al settore civile. Il Mediterraneo deve essere un ponte di incontro tra i popoli e le culture, tra i centri di ricerca e tutte le realtà interessate a promuovere la tutela del mare e dell’ambiente, lo sviluppo sostenibile, il turismo responsabile nel rispetto dei diritti delle persone e dei popoli.

Una manifestazione per riconvertire SeaFuture

Le iniziative si chiuderanno lunedì 5 giugno, con un presidio che si terrà dalle 9 alle 12 in piazza Chiodo alla Spezia, in concomitanza con l’inaugurazione di Seafuture.


0 0 voti
Rating articolo
Sottoscrivi
Notificami
Lascia un tuo commento
Lascia un tuo commento

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero. Lascia un tuo commentox