Antifascismo Fulmine è oltre il ponte Libri Recensioni
William Domenichini  

“Fulmine” contro il “fascismo eterno”

“Fulmine” contro il “fascismo eterno” è la recensione di Giorgio Pagano, tratta dalla rubrica Luci della Cittàwww.cittadellaspezia.com

Mi chiedo cosa abbiamo lasciato. E se tutto ciò non fosse servito a nulla? Se tutti quelli che abbiamo sepolto uscissero dalle loro tombe, ora in questo momento, e vedessero in che mondo viviamo, probabilmente ci verrebbero a prendere nei nostri comodi letti, a domandarci come sia possibile che oggi questo nostro mondo sia ritornato a vivere barriere che credevamo fossero irripetibili. Sembra che gli orrori vissuti siano stati riposti in un cassetto, abbandonati tra le righe di una vecchia enciclopedia di cui nessuno si cura più”.

Sono le parole di Ciro Domenichini “Fulmine”, partigiano di Follo, nelle pagine finali del libro “Fulmine è oltre il ponte”, scritto dal nipote William. Le parole malinconiche di un vecchio che ha quasi 97 anni.

Il libro è un romanzo storico sulle vicende di un giovane militare sbandato l’8 settembre 1943, poi partigiano del “Battaglione Val di Vara” della Colonna “Giustizia e Libertà”. Un romanzo che si fonda su fatti realmente accaduti, e che intreccia documentazione storica e capacità di invenzione letteraria. Dove ci sono i “personaggi”, come in ogni romanzo che si rispetti. Così come c’è il paesaggio, il bellissimo paesaggio delle nostre terre. E’ un libro che consiglio ai ragazzi di oggi, per i quali è sempre più difficile conoscere le trame di un passato così lontano.

Leggi tutto l’articolo…

0 0 voti
Rating articolo
Sottoscrivi
Notificami
Lascia un tuo commento
Lascia un tuo commento

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero. Lascia un tuo commentox