Analisi Antifascismo Global
William Domenichini  

Un altro mondo è possibile. Portiamolo alla realtà

Un altro mondo è possibile. Portiamolo alla realtà è l’intervento di Noam Chomsky, professore emerito presso il Dipartimento di Linguistica e Filosofia del MIT, emerso in un’interessante intervista a Truthout. Chomsky ha pubblicato più di 150 libri di linguistica, pensiero politico e sociale, economia politica, studi sui media, politica estera degli Stati Uniti e mondo affari. I suoi ultimi libri sono Illegitimate Authority: Facing the Challenges of Our Time (di prossima pubblicazione; con CJ Polychroniou); I segreti delle parole (con Andrea Moro; MIT Press, 2022); Il ritiro: Iraq, Libia, Afghanistan e la fragilità del potere statunitense (con Vijay Prashad; The New Press, 2022); e The Precipice: Neoliberalism, the Pandemic and the Urgent Need for Social Change (con CJ Polychroniou; Haymarket Books, 2021).

 

Noam, mentre entriamo in un nuovo anno, voglio iniziare questa intervista chiedendoti di evidenziare le maggiori sfide che il nostro mondo deve affrontare oggi e se sei d’accordo con l’affermazione che il progresso umano, sebbene reale e sostanziale per certi aspetti, non è né pari né inevitabile?

Il modo più semplice per rispondere è con l’orologio dell’apocalisse, ora impostato a 100 secondi a mezzanotte, che probabilmente si avvicinerà alla fine quando verrà ripristinato in poche settimane. Come dovrebbe, considerando quello che è successo nell’ultimo anno. Le sfide che ha evidenziato lo scorso gennaio rimangono in cima alla lista: la guerra nucleare, il riscaldamento globale e altre distruzioni ambientali, e il crollo dell’arena del discorso razionale che offre l’unica speranza per affrontare le sfide esistenziali. Ce ne sono altri, ma diamo un’occhiata a questi.

Washington ha appena accettato di fornire all’Ucraina missili Patriot. Se funzionino o meno è una questione aperta, ma la Russia assumerà un’analisi del caso peggiore e li considererà un obiettivo. Abbiamo pochi dettagli, ma è probabile che gli addestratori statunitensi vengano con i missili, quindi siano obiettivi per l’attacco russo, il che potrebbe farci salire di qualche gradino la scala dell’escalation.

Questo non è l’unico scenario minaccioso possibile in Ucraina, ma le minacce di un’escalation verso una guerra impensabile non sono solo lì. È abbastanza pericoloso al largo delle coste della Cina, in particolare perché Biden ha dichiarato guerra virtuale alla Cina e il Congresso non vede l’ora di rompere l’”ambiguità strategica” che ha mantenuto la pace su Taiwan per 50 anni, tutte questioni di cui abbiamo discusso prima.

Senza procedere, la minaccia di una guerra terminale è aumentata, insieme a sciocche e ignoranti assicurazioni che non ci riguardi.

Passiamo all’ambiente. Sul riscaldamento globale, le notizie vanno da terribili a orrende, ma ci sono alcuni punti positivi. La Convenzione sulla biodiversità è un passo importante verso la limitazione della distruzione letale dell’ambiente. Il supporto è quasi universale, anche se non totale. Uno stato ha rifiutato di firmare, il solito valore anomalo, lo stato più potente nella storia del mondo. Il GOP, fedele ai suoi principi, rifiuta di sostenere tutto ciò che potrebbe interferire con il potere privato e il profitto. Per ragioni analoghe, gli Stati Uniti si sono rifiutati di firmare i Protocolli di Kyoto sul riscaldamento globale (a cui si è unita in questo caso Andorra), mettendo in moto un disastroso fallimento che ha drasticamente ridotto le prospettive di fuga dalla catastrofe.

Non intendo suggerire che il mondo sia santo. Lontano da esso. Ma l’egemone globale si distingue.

Passiamo al terzo fattore che spinge l’orologio dell’apocalisse verso mezzanotte: il crollo dell’arena del discorso razionale. La maggior parte delle discussioni su questo fenomeno profondamente preoccupante si concentra su esplosioni nei social media, teorie del complotto selvagge, se non ed elezioni rubate e altri sviluppi pericolosi che possono essere ricondotti in gran parte al crollo dell’ordine sociale sotto i colpi di martello della guerra di classe degli ultimi 40 anni. Ma almeno abbiamo il dominio sobrio e ragionato dell’opinione intellettuale liberale che offre qualche speranza di discorso razionale.

O noi?

Ciò che vediamo in questo dominio e che spesso sfida la credenza ed evoca il ridicolo al di fuori dei circoli occidentali disciplinati. Ad esempio, la principale rivista di affari internazionali dell’establishment ci informa con sobrietà che una sconfitta russa “rafforza il principio che un attacco a un altro paese non può rimanere impunito”.

La rivista si riferisce al principio che è stato sostenuto con tanta coscienza quando siamo gli agenti dell’aggressione — un pensiero che affiora solo tra coloro che commettono il crimine imperdonabile di applicare a noi stessi i principi che difendiamo valorosamente per gli altri. È difficile immaginare che il pensiero non sia mai emerso nel mainstream. Ma non è facile da trovare.

A volte ciò che appare è così stravagante che ci si può chiedere cosa ci sia dietro, dal momento che gli autori non riescono a credere a quello che dicono. Come può, ad esempio, reagire qualcuno a una storia intitolata “Nessuna prova conclusiva dietro l’attacco al Nord Stream ci sia la Russia”, spiegando che “i leader mondiali si sono affrettati ad incolpare Mosca per le esplosioni lungo i gasdotti sottomarini. Ma alcuni funzionari occidentali ora dubitano che il Cremlino fosse responsabile”, anche se i russi probabilmente lo hanno fatto per “strangolare il flusso di energia a milioni di persone in tutto il continente”?

È abbastanza vero che gran parte dell’Occidente è stato veloce ad incolpare la Russia, ma questo è tanto informativo quanto il fatto che quando qualcosa va storto, gli apparati russi sono pronti ad incolpare gli Stati Uniti, il meno probabile colpevole. Non ottengono nulla dalla distruzione di un loro bene prezioso; Gazprom, di proprietà statale russa, è il principale proprietario e sviluppatore degli oleodotti e la Russia conta su di loro per entrate e influenza. Se volessero “strangolare il flusso di energia”, tutto ciò che dovrebbero fare è chiudere alcune valvole.

Come hanno subito riconosciuto anche le parti sane del mondo, il colpevole più probabile è l’unico che aveva sia movente che capacità. Il movente statunitense non è in discussione. È stato proclamato pubblicamente per anni. Il presidente Biden ha informato esplicitamente le sue controparti tedesche, in modo piuttosto pubblico, che se la Russia avesse invaso l’Ucraina, l’oleodotto sarebbe stato distrutto. La capacità degli Stati Uniti ovviamente non è in discussione, anche a parte le enormi manovre navali statunitensi nell’area del sabotaggio poco prima che avvenisse.

Ma trarre l’ovvia conclusione è tanto ridicolo quanto sostenere che il nobile “principio che un attacco a un altro paese non può rimanere impunito” potrebbe applicarsi quando gli Stati Uniti attaccano l’Iraq o chiunque altro. Indicibile.

Cosa c’è poi oltre il comico titolo “Nessuna prova conclusiva che la Russia sia dietro l’attacco al Nord Stream” — la traduzione orwelliana dell’affermazione secondo cui abbiamo prove schiaccianti che la Russia non era dietro l’attacco e che lo erano gli Stati Uniti.

La risposta più plausibile è la tecnica del “ladro, ladro”, un noto espediente propagandistico: quando sei colto con le mani in tasca da qualcuno, non negarlo ed essere facilmente confutato. Piuttosto, indica da qualche altra parte e grida “ladro, ladro”, riconoscendo che c’è una rapina mentre sposta l’attenzione su un immaginario autore. Funziona molto bene. L’industria dei combustibili fossili lo pratica efficacemente da anni, come abbiamo discusso. Funziona ancora meglio se abbellito dalle tecniche standard che rendono la propaganda statunitense molto più efficace della varietà totalitaria dalla mano pesante: favorire il dibattito per mostrare la nostra apertura, ma entro stretti vincoli che instillano il messaggio di propaganda per presupposto, che è molto più efficace che asserzione. Quindi, evidenzia il fatto che c’è scetticismo sulla depravazione russa, mostrando quanto siamo una società libera e aperta mentre stabilisci più profondamente la ridicola affermazione che il sistema di propaganda sta cercando di instillare.

C’è, a dire il vero, un’altra possibilità: forse segmenti delle classi intellettuali sono così profondamente immersi nel sistema di propaganda che in realtà non riescono a percepire l’assurdità di ciò che stanno dicendo.

Ad ogni modo, è un duro promemoria del crollo dell’arena del discorso razionale, proprio dove potremmo sperare che possa essere difeso.

Sfortunatamente, è fin troppo facile continuare.

In breve, tutti e tre i motivi per cui l’orologio è stato spostato a 100 secondi a mezzanotte sono stati fortemente rafforzati nell’ultimo anno. Conclusione non confortante, ma inevitabile.

Gli scienziati ci avvertono che il riscaldamento globale è una tale minaccia esistenziale al punto che la civiltà è diretta verso una grande catastrofe. Le affermazioni o le opinioni apocalittiche sul riscaldamento globale sono utili? In effetti, cosa ci vorrà per ottenere un’azione per il clima di successo, considerando che la nazione più potente della storia è in realtà “uno stato canaglia che guida il mondo verso il collasso ecologico”, come ha giustamente affermato George Monbiot in un recente editoriale su The Guardian ?

Il programma climatico della Yale University sul clima e la comunicazione ha condotto studi sul modo migliore per portare le persone a comprendere la realtà della crisi che l’umanità sta affrontando. Ce ne sono altri, da varie prospettive .

È un compito di particolare importanza nello “stato canaglia che guida il mondo verso il collasso ecologico”. È anche un compito difficile, visto che il negazionismo non solo esiste in alcuni ambienti ma è vicino alla politica ufficiale del Partito Repubblicano da quando questa organizzazione estremista ha ceduto all’offensiva del conglomerato energetico Koch, lanciata quando il partito sembrava essere virando verso la sanità mentale durante la campagna McCain del 2008. Quando i lealisti del partito ascoltano i loro leader e la loro camera d’eco mediatica, assicurando loro di “non preoccuparsi”, non è facile raggiungerli. E sebbene estremo, il GOP non è solo.

Sembra di essere generalmente d’accordo sul fatto che le dichiarazioni apocalittiche non sono utili. Le persone si sintonizzano o ascoltano e si arrendono: “È troppo grande per me”. Quello che sembra avere più successo è puntare sull’esperienza diretta e sui passi che si possono fare, anche se piccoli. Tutto questo è familiare agli organizzatori in generale. È un percorso difficile da seguire per coloro che sono consapevoli dell’enormità della crisi. Ma gli sforzi per raggiungere le persone devono essere adattati alla loro comprensione e alle loro preoccupazioni. Altrimenti, possono scendere nel vuoto della predicazione egoistica.

Recentemente, abbiamo discusso in un’altra intervista gli obiettivi e gli effetti del capitalismo neoliberista. Ora, il neoliberismo è spesso confuso con la globalizzazione, ma è piuttosto ovvio che quest’ultima è un processo multidimensionale che è esistito molto prima dell’ascesa del neoliberismo. Naturalmente, la forma dominante di globalizzazione oggi è la globalizzazione neoliberista, ma questo non vuol dire che la globalizzazione debba essere strutturata attorno a politiche e valori neoliberisti, o pensare che “non ci siano alternative”. Ci sono davvero lotte continue in tutto il mondo per il controllo democratico su Stati, mercati e società. La mia domanda quindi è questa: è un pensiero utopico credere che lo status quo possa essere sfidato e che un altro mondo sia possibile?

Globalizzazione significa semplicemente integrazione internazionale. Può assumere molte forme. La globalizzazione neoliberista realizzata principalmente durante gli anni di Clinton è stata progettata nell’interesse del capitale privato, con una serie di accordi sui diritti degli investitori altamente protezionistici mascherati da “libero scambio”. Non era affatto inevitabile. Sia il movimento operaio che l’ufficio di ricerca del Congresso (l’Office of Technology Assessment, o OTA) hanno proposto alternative orientate agli interessi dei lavoratori negli Stati Uniti e all’estero. Sono stati sommariamente licenziati. L’OTA è stato sciolto, secondo i rapporti, perché il GOP di Newt Gingrich lo considerava come di parte nei loro confronti, anche se può darsi che i Nuovi Democratici clintoniani condividessero il sentimento su fatti e ragione. Il capitale fiorì, compreso il sistema finanziario per lo più predatorio. Il lavoro è stato gravemente indebolito, con conseguenze che si riverberano nel presente.

La globalizzazione potrebbe assumere una forma molto diversa, proprio come accade in generale per gli accordi economici. C’è una lunga storia di sforzi per separare il dominio politico da quello economico, quest’ultimo concepito come puramente oggettivo, come l’astronomia, guidato da specialisti della professione economica e immune all’azione dei cittadini comuni, in particolare del lavoro. Uno studio recente molto impressionante, di Clara Mattei, sostiene in modo persuasivo che questa dicotomia, che tipicamente assume la forma di programmi di austerità, è stata un importante strumento di guerra di classe per un secolo, aprendo la strada al fascismo, che è stato effettivamente accolto dall’opinione dell’élite occidentale, e con entusiasmo dai “libertari”.

Non c’è, tuttavia, alcun motivo per accettare la mitologia. Il dominio politico in senso lato, compreso il lavoro e altro attivismo popolare, può modellare il sistema economico in modi che andranno a beneficio delle persone, non del profitto e del potere privato. L’ascesa della socialdemocrazia lo illustra bene, ma non c’è nemmeno motivo di accettare il suo tacito presupposto che l’autocrazia capitalista sia una legge di natura. Per citare Mattei, “o le organizzazioni di persone possono andare oltre i rapporti capitalistici [verso la democrazia economica], o la classe dirigente rimporrà il suo dominio”.

Lo status quo può certamente essere messo in discussione. Un mondo molto migliore è sicuramente a portata di mano. Ci sono tutte le ragioni per onorare lo slogan del World Social Forum che “Un altro mondo è possibile”, uno di gran lunga migliore, e per dedicare i nostri sforzi per portarlo alla realtà.

_________________________

CJ Polychroniou è un politologo/economista politico, autore e giornalista che ha insegnato e lavorato in numerose università e centri di ricerca in Europa e negli Stati Uniti. Attualmente, i suoi principali interessi di ricerca riguardano la politica statunitense e l’economia politica degli Stati Uniti, l’integrazione economica europea, la globalizzazione, i cambiamenti climatici e l’economia ambientale e la decostruzione del progetto politico-economico del neoliberismo. È un collaboratore regolare di Truthout e membro di TruthoutProgetto intellettuale pubblico. Ha pubblicato decine di libri e oltre 1.000 articoli che sono apparsi in una varietà di giornali, riviste, giornali e popolari siti web di notizie. Molte delle sue pubblicazioni sono state tradotte in una moltitudine di lingue diverse, tra cui arabo, cinese, croato, olandese, francese, tedesco, greco, italiano, giapponese, portoghese, russo, spagnolo e turco. I suoi ultimi libri sono  Optimism Over Despair :  Noam Chomsky On Capitalism, Empire, and Social Change  (2017); Climate Crisis and the Global Green New Deal :  The Political Economy of Saving the Planet  (con Noam Chomsky e Robert Pollin come autori principali, 2020); Il precipizio : Neoliberalism, the Pandemic, and the Urgent Need for Radical Change  (un’antologia di interviste con Noam Chomsky, 2021); e  Economia e sinistrainterviste con economisti progressisti  (2021).


0 0 voti
Rating articolo
Sottoscrivi
Notificami
Lascia un tuo commento
Lascia un tuo commento

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero. Lascia un tuo commentox