Iniziativa sulla sicurezza globale è la proposta cinese
Analisi Global
William Domenichini  

Iniziativa cinese sulla sicurezza globale

Iniziativa sulla sicurezza globale è la proposta cinese, in un mondo in cui sembra vigere una neolegge manichea, surrogato della tifoseria da stadio, in cui si è più attenti a sapere da che parte ci si schiera (buoni e cattivi, liberi e sottomessi, bianchi e resto del mondo, ecc, ecc.). Il 21 febbraio 2022, il Governo cinese ha rilasciato un documento, The Global Security Initiative Concept Paper, ossia la posizione cinese riguardo alla risoluzione diplomatica della crisi mondiale in atto. Cosa ci racconta questo documento? Difficile dirlo con granitica certezza, ma quel che è piuttosto chiaro è il tentativo di rimarcare il ruolo della Cina, fuori dalla mischia, fornendo una serie di punti per la pacificazione mondiale, affrontando in modo globale i temi della sicurezza ed indicando una metodologia per garantire  stabilità. In estrema sintesi centralità alle Nazioni Unite, al diritto internazionale. e promozione di pace e sviluppo globale a lungo termine. Mentre l’Europa è un teatro di guerra e la politica occidentale sembra pensare solo a come vincere, mentre il presidente USA viaggia in missione nell’est europeo di frontiera, evitando significativamente Bruxelles, il governo di Pechino rende noto come intraprendere la via politica, mentre il mondo “libero” occidentale pensa ad armarsi e partire, lo “spauracchio” cinese ci racconta la sua via per evitare che l’umanità si spinga nell’abisso della guerra senza fine, tenendo aperta la via della seta del dialogo.

Vi propongo il documento integrale rilasciato dal governo cinese, tradotto da Francesco Maringiò (marx21.it). Finita la lettura un’interessantissima analisi.


The Global Security Initiative Concept Paper

I. Premessa

Il tema della sicurezza riguarda il benessere delle persone di tutti i Paesi, la nobile causa della pace e dello sviluppo mondiale e il futuro dell’umanità.

Oggi il nostro mondo, i nostri tempi e la nostra storia stanno cambiando come mai prima d’ora e la comunità internazionale si trova ad affrontare molteplici rischi e sfide raramente visti prima. I focolai di sicurezza regionale continuano a divampare, i conflitti e le turbolenze locali si verificano frequentemente, la pandemia COVID-19 persiste, l’unilateralismo e il protezionismo sono aumentati in modo significativo e le minacce alla sicurezza tradizionali e non tradizionali si intrecciano. I deficit di pace, sviluppo, sicurezza e governance sono in aumento e il mondo si trova ancora una volta a un bivio della storia.

Questa è un’epoca ricca di sfide. Ma è anche un’epoca piena di speranza. Siamo convinti che le tendenze storiche di pace, sviluppo e cooperazione win-win siano inarrestabili. Sostenere la pace e la sicurezza nel mondo e promuovere lo sviluppo e la prosperità globali dovrebbe essere l’obiettivo comune di tutti i Paesi. Il Presidente cinese Xi Jinping ha proposto l’Iniziativa per la Sicurezza Globale (ISG), invitando i Paesi ad adattarsi al profondo cambiamento del panorama internazionale in uno spirito di solidarietà e ad affrontare le complesse e intrecciate sfide della sicurezza con una mentalità win-win. La ISG mira a eliminare le cause profonde dei conflitti internazionali, a migliorare la governance della sicurezza globale, a incoraggiare gli sforzi internazionali congiunti per portare maggiore stabilità e sicurezza in un’epoca mutevole e volatile e a promuovere una pace e uno sviluppo duraturi nel mondo.

II. Concetti e principi fondamentali

1. Rimanere impegnati nella visione di una sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile. Nel 2014, il presidente Xi Jinping ha avviato una nuova visione della sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile, che è stata ampiamente riconosciuta e sostenuta dalla comunità internazionale. L’essenza di questa nuova visione della sicurezza è quella di sostenere un concetto di sicurezza comune, rispettando e salvaguardando la sicurezza di ogni Paese; un approccio olistico, mantenendo la sicurezza sia nei campi tradizionali che in quelli non tradizionali e migliorando la governance della sicurezza in modo coordinato; un impegno alla cooperazione, portando la sicurezza attraverso il dialogo politico e la negoziazione pacifica; e il perseguimento della sicurezza sostenibile, risolvendo i conflitti attraverso lo sviluppo ed eliminando il terreno fertile per l’insicurezza. Crediamo che la sicurezza sarà solida e sostenibile solo quando sarà sostenuta da moralità, giustizia e idee giuste.

2. Rimanere impegnati a rispettare la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi. L’uguaglianza sovrana e la non ingerenza negli affari interni sono principi basilari del diritto internazionale e le norme più fondamentali che regolano le relazioni internazionali contemporanee. Crediamo che tutti i Paesi, grandi o piccoli, forti o deboli, ricchi o poveri, siano membri uguali della comunità internazionale. I loro affari interni non ammettono interferenze esterne, la loro sovranità e dignità devono essere rispettate e il loro diritto di scegliere in modo indipendente i sistemi sociali e i percorsi di sviluppo deve essere sostenuto. L’indipendenza sovrana e l’uguaglianza devono essere sostenute e ci si deve impegnare affinché tutti i Paesi godano di uguaglianza in termini di diritti, regole e opportunità.

3. Rimanere impegnati a rispettare gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite. Gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite incarnano la profonda riflessione dei popoli di tutto il mondo sulle amare lezioni delle due guerre mondiali. Sono il disegno istituzionale dell’umanità per la sicurezza collettiva e la pace duratura. I vari scontri e le ingiustizie che si verificano oggi nel mondo non si sono verificati perché gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite sono superati, ma perché non sono stati mantenuti e attuati in modo efficace. Invitiamo tutti i Paesi a praticare un vero multilateralismo; a sostenere fermamente il sistema internazionale con l’ONU al centro, l’ordine internazionale sostenuto dal diritto internazionale e le norme fondamentali delle relazioni internazionali sostenute dalla Carta delle Nazioni Unite; a sostenere l’autorità dell’ONU e il suo status di piattaforma principale per la governance della sicurezza globale. La mentalità da guerra fredda, l’unilateralismo, il confronto tra blocchi e l’egemonismo contraddicono lo spirito della Carta delle Nazioni Unite e devono essere contrastati e respinti.

4. Rimanere impegnati a prendere sul serio le legittime preoccupazioni di tutti i Paesi in materia di sicurezza. L’umanità è una comunità di sicurezza indivisibile. La sicurezza di un Paese non deve andare a scapito di quella degli altri. Crediamo che tutti i Paesi siano uguali in termini di interessi di sicurezza. Le legittime e ragionevoli preoccupazioni di tutti i Paesi in materia di sicurezza dovrebbero essere prese sul serio e affrontate in modo adeguato, non ignorate o messe sistematicamente in discussione. Ogni Paese, pur perseguendo la propria sicurezza, dovrebbe tenere conto delle ragionevoli preoccupazioni di sicurezza degli altri. Sosteniamo il principio della sicurezza indivisibile, sostenendo la non separabilità tra sicurezza individuale e sicurezza comune, tra sicurezza tradizionale e sicurezza non tradizionale, tra diritti e obblighi di sicurezza e tra sicurezza e sviluppo. Dovrebbe esistere un’architettura di sicurezza equilibrata, efficace e sostenibile, in modo da realizzare la sicurezza universale e la sicurezza comune.

5. Rimanere impegnati a risolvere pacificamente le differenze e le controversie tra i Paesi attraverso il dialogo e la consultazione. La guerra e le sanzioni non sono una soluzione fondamentale alle controversie; solo il dialogo e la consultazione sono efficaci per risolvere le differenze. Invitiamo i Paesi a rafforzare la comunicazione strategica, ad accrescere la fiducia nella sicurezza reciproca, a diffondere le tensioni, a gestire le differenze e a eliminare le cause profonde delle crisi. I Paesi più importanti devono sostenere la giustizia, adempiere alle proprie responsabilità, appoggiare le consultazioni su un piano di parità e facilitare i colloqui per la pace, svolgere buoni uffici e mediare alla luce delle esigenze e della volontà dei Paesi interessati. La comunità internazionale dovrebbe sostenere tutti gli sforzi che favoriscono la soluzione pacifica delle crisi e incoraggiare le parti in conflitto a costruire la fiducia, risolvere le controversie e promuovere la sicurezza attraverso il dialogo. Abusare delle sanzioni unilaterali e della giurisdizione a lungo raggio non risolve un problema, ma crea solo maggiori difficoltà e complicazioni.

6. Mantenere l’impegno a mantenere la sicurezza nei domini tradizionali e non tradizionali. Nel mondo di oggi, sia l’intenzione che l’estensione della sicurezza si stanno ampliando. La sicurezza è sempre più interconnessa, transnazionale e diversificata. Le minacce alla sicurezza tradizionali e non tradizionali si sono intrecciate. Incoraggiamo tutti i Paesi a praticare i principi di ampia consultazione, contributo comune e benefici condivisi nella governance globale, e a lavorare insieme per affrontare le controversie regionali e le sfide globali come il terrorismo, il cambiamento climatico, la sicurezza informatica e la biosicurezza. Dovrebbero essere compiuti sforzi concertati per esplorare molteplici canali, sviluppare una soluzione olistica e migliorare le norme pertinenti, in modo da trovare soluzioni sostenibili, promuovere la governance della sicurezza globale e prevenire e risolvere le sfide alla sicurezza.

Questi sei impegni sono interconnessi e si rafforzano a vicenda e costituiscono un insieme organico di unità dialettica. Tra questi, la visione di una sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile fornisce una guida concettuale; il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale di tutti i Paesi è la premessa fondamentale; attenersi agli scopi e ai principi della Carta delle Nazioni Unite è un punto di riferimento primario; prendere sul serio le legittime preoccupazioni di tutti i Paesi in materia di sicurezza è un principio importante, risolvere pacificamente le differenze e le controversie tra i Paesi attraverso il dialogo e la consultazione è una scelta obbligata; e mantenere la sicurezza sia nei domini tradizionali che in quelli non tradizionali è un requisito intrinseco.

III. Le priorità della cooperazione

È nostra comune aspirazione raggiungere una pace mondiale duratura, in modo che tutti i Paesi possano godere di un ambiente esterno pacifico e stabile e che i loro popoli possano vivere una vita felice con i loro diritti pienamente garantiti. Come passeggeri a bordo della stessa nave, i Paesi devono lavorare in modo solidale per promuovere una comunità di sicurezza condivisa per l’umanità e costruire un mondo che sia libero dalla paura e goda di una sicurezza universale.

Per realizzare queste visioni, la Cina è pronta a condurre una cooperazione bilaterale e multilaterale in materia di sicurezza con tutti i Paesi e le organizzazioni internazionali e regionali nell’ambito dell’Iniziativa di sicurezza globale e a promuovere attivamente il coordinamento dei concetti di sicurezza e la convergenza degli interessi. La Cina invita tutte le parti a portare avanti una cooperazione singola o multipla su aspetti che includono, ma non si limitano ai seguenti, in modo da perseguire l’apprendimento reciproco e la complementarità e promuovere congiuntamente la pace e la tranquillità nel mondo:

Partecipare attivamente alla formulazione di una Nuova Agenda per la Pace ed altre proposte presentate nella Nostra Agenda Comune dal Segretario Generale delle Nazioni Unite. Sostenere gli sforzi delle Nazioni Unite per migliorare la prevenzione dei conflitti e sfruttare appieno l’architettura di costruzione della pace per assistere gli Stati che escono da un conflitto nella costruzione della pace. Sfruttare ulteriormente il Comparto Pace e Sicurezza del Fondo fiduciario Cina-ONU per la pace e lo sviluppo e sostenere un ruolo più incisivo dell’ONU negli affari di sicurezza globale.

Sostenere l’ONU nel potenziamento delle capacità di attuazione del suo mandato di mantenimento della pace, sostenere i tre principi di “consenso delle parti, imparzialità e non uso della forza se non per autodifesa e difesa del mandato” per le operazioni di peacekeeping, dare priorità alle soluzioni politiche e adottare un approccio olistico per affrontare sia i sintomi che le cause profonde. Fornire alle operazioni di mantenimento della pace risorse adeguate. Sostenere la fornitura di un’assistenza finanziaria sufficiente, prevedibile e sostenibile all’Unione Africana (UA), affinché possa svolgere operazioni di mantenimento della pace autonome.

Promuovere il coordinamento e la sana interazione tra i Paesi principali e costruire una relazione tra i Paesi principali caratterizzata da coesistenza pacifica, stabilità generale e sviluppo equilibrato. I grandi Paesi si assumono responsabilità particolarmente importanti per il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale. Invitare i principali Paesi a dare l’esempio nel rispettare l’uguaglianza, la buona fede, la cooperazione e lo Stato di diritto, nonché nel rispettare la Carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale. Aderire al rispetto reciproco, alla coesistenza pacifica e alla cooperazione vantaggiosa per tutti, attenersi alla linea di fondo di nessun conflitto e nessuno scontro, cercare un terreno comune riservando le differenze e gestire le differenze.

Sostenere fermamente il consenso sul fatto che “una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta”. Rispettare la dichiarazione congiunta sulla prevenzione della guerra nucleare e la prevenzione della corsa agli armamenti rilasciata dai leader dei cinque Stati dotati di armi nucleari nel gennaio 2022. Rafforzare il dialogo e la cooperazione tra gli Stati dotati di armi nucleari per ridurre il rischio di guerra nucleare. Salvaguardare il regime internazionale di non proliferazione nucleare basato sul Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (TNP) e sostenere attivamente gli sforzi dei Paesi delle regioni interessate per creare zone libere da armi nucleari. Promuovere la cooperazione internazionale sulla sicurezza nucleare, in modo da costruire un sistema internazionale di sicurezza nucleare equo, collaborativo e reciprocamente vantaggioso.

Attuare pienamente la risoluzione sulla promozione della cooperazione internazionale sugli usi pacifici nel contesto della sicurezza internazionale adottata dalla 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Portare avanti la cooperazione nell’ambito di strutture quali il Comitato 1540 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Convenzione sulle armi chimiche (CWC) e la Convenzione sulle armi biologiche (BWC), promuovere la completa proibizione e l’accurata distruzione delle armi di distruzione di massa e rafforzare la capacità di tutti i Paesi in aree quali il controllo delle esportazioni di non proliferazione, la biosicurezza e la protezione dalle armi chimiche.

Sostenere il processo di controllo globale delle armi convenzionali. Sostenere la cooperazione tra Cina, Africa ed Europa sul controllo delle armi leggere e di piccolo calibro, con la premessa di rispettare la volontà dell’Africa. Sostenere l’attuazione dell’iniziativa “Silenziare le armi in Africa”. Realizzare attivamente la cooperazione e l’assistenza internazionale in materia di sminamento umanitario e fornire aiuto ai Paesi colpiti nella misura in cui le proprie capacità lo consentano.

Promuovere la risoluzione politica delle questioni internazionali e regionali che costituiscono i punti critici. Incoraggiare i Paesi interessati a superare le differenze e a risolvere i punti critici attraverso il dialogo e la comunicazione. Sostenere la comunità internazionale nel partecipare in modo costruttivo alla risoluzione politica dei punti critici, con la premessa della non ingerenza negli affari interni, principalmente attraverso i mezzi di facilitazione dei colloqui di pace, con l’equità e la praticità come atteggiamento principale, e principalmente seguendo l’approccio di affrontare sia i sintomi che le cause profonde. Sostenere la risoluzione politica delle questioni relative ai punti critici, come la crisi ucraina, attraverso il dialogo e i negoziati.

Sostenere e migliorare il meccanismo e l’architettura di cooperazione regionale in materia di sicurezza incentrati sull’ASEAN e aderire al metodo ASEAN di costruzione del consenso e di adeguamento al livello di comfort reciproco per rafforzare ulteriormente il dialogo e la cooperazione in materia di sicurezza tra i Paesi della regione. Sostenere gli sforzi per promuovere la cooperazione in aree di sicurezza non tradizionali nell’ambito della cooperazione Lancang-Mekong (LMC), attuare progetti di cooperazione pertinenti nell’ambito del Fondo speciale LMC e cercare di promuovere una zona pilota per la GSI per salvaguardare congiuntamente la pace e la stabilità regionale.

Attuare la proposta in cinque punti sulla realizzazione della pace e della stabilità in Medio Oriente, che comprende la promozione del rispetto reciproco, il sostegno all’equità e alla giustizia, la realizzazione della non proliferazione, la promozione congiunta della sicurezza collettiva e l’accelerazione della cooperazione allo sviluppo, in modo da stabilire congiuntamente un nuovo quadro di sicurezza in Medio Oriente. Sostenere lo slancio positivo e gli sforzi dei Paesi mediorientali per rafforzare il dialogo e migliorare le loro relazioni, accogliere le ragionevoli preoccupazioni di sicurezza di tutte le parti, rafforzare le forze interne per salvaguardare la sicurezza regionale e sostenere la Lega degli Stati Arabi (LAS) e le altre organizzazioni regionali nello svolgere un ruolo costruttivo a questo proposito. La comunità internazionale dovrebbe adottare misure pratiche per far avanzare la soluzione dei due Stati alla questione palestinese e convocare una conferenza di pace internazionale più grande, più autorevole e più influente, in modo da raggiungere una giusta soluzione alla questione palestinese in tempi brevi.

Sostenere gli sforzi dei Paesi africani, dell’UA e delle organizzazioni subregionali per risolvere i conflitti regionali, combattere il terrorismo e salvaguardare la sicurezza marittima, invitare la comunità internazionale a fornire sostegno finanziario e tecnico alle operazioni antiterrorismo condotte dall’Africa e sostenere i Paesi africani nel rafforzare la loro capacità di salvaguardare la pace in modo indipendente. Sostenere la soluzione dei problemi africani in modo africano e promuovere una soluzione pacifica dei punti critici nel Corno d’Africa, nel Sahel, nella regione dei Grandi Laghi e in altre aree. Attuare attivamente le prospettive di pace e sviluppo nel Corno d’Africa, promuovere l’istituzionalizzazione della Conferenza Cina-Corno d’Africa per la pace, la governance e lo sviluppo e lavorare attivamente per lanciare progetti pilota di cooperazione.

Sostenere i Paesi dell’America Latina e dei Caraibi nell’adempimento attivo degli impegni dichiarati nel Proclama dell’America Latina e dei Caraibi come Zona di Pace e sostenere la Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi e altre organizzazioni regionali e subregionali nello svolgere un ruolo attivo nel sostenere la pace e la sicurezza regionale e nel gestire correttamente i punti critici regionali.

Prestare grande attenzione alla situazione particolare e alle legittime preoccupazioni dei Paesi insulari del Pacifico per quanto riguarda i cambiamenti climatici, i disastri naturali e la salute pubblica, sostenere gli sforzi dei Paesi insulari del Pacifico per affrontare le sfide globali e sostenere i Paesi insulari nell’attuazione della Strategia 2050 per il continente blu del Pacifico. Aumentare la fornitura di materiali, fondi e talenti per aiutare i Paesi insulari a migliorare la loro capacità di affrontare le minacce alla sicurezza non tradizionali.

Rafforzare il dialogo e lo scambio marittimo e la cooperazione pratica, gestire adeguatamente le differenze marittime e lavorare insieme per affrontare i crimini transnazionali in mare, tra cui la pirateria e le rapine a mano armata, in modo da salvaguardare congiuntamente la pace e la tranquillità marittima e la sicurezza delle rotte marittime. Invitare i Paesi a monte e a valle dei fiumi transfrontalieri a impegnarsi attivamente nella cooperazione internazionale, a risolvere le controversie pertinenti attraverso il dialogo e la consultazione, a garantire la sicurezza della navigazione sui fiumi transfrontalieri, a utilizzare e proteggere razionalmente le risorse idriche e a proteggere l’ambiente ecologico dei fiumi transfrontalieri.

Rafforzare il ruolo dell’ONU come centro di coordinamento nella lotta globale contro il terrorismo, sostenere la comunità internazionale nella piena attuazione delle risoluzioni antiterrorismo dell’Assemblea Generale e del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e della Strategia globale antiterrorismo dell’ONU e reprimere congiuntamente tutte le organizzazioni e gli individui terroristici designati dal Consiglio di Sicurezza. Incanalare maggiori risorse globali contro il terrorismo verso i Paesi in via di sviluppo per migliorare le loro capacità antiterroristiche. Opporsi a collegare il terrorismo a un particolare Paese, gruppo etnico o religione. Migliorare gli studi e le risposte all’impatto delle tecnologie emergenti sugli sforzi antiterrorismo globali.

Approfondire la cooperazione internazionale nel campo della sicurezza informatica. La Cina ha presentato l’Iniziativa globale sulla sicurezza dei dati e chiede sforzi congiunti per formulare regole globali sulla governance digitale che riflettano la volontà e rispettino gli interessi di tutte le parti. Portare avanti l’Iniziativa di cooperazione Cina-LAS sulla sicurezza dei dati e l’Iniziativa di cooperazione sulla sicurezza dei dati di Cina+Asia centrale, affrontare congiuntamente le varie minacce informatiche e lavorare per stabilire un sistema di governance globale sul cyberspazio caratterizzato da apertura e inclusione, giustizia ed equità, sicurezza e stabilità, vigore e vitalità.

Rafforzare la gestione del rischio di biosicurezza. Sostenere congiuntamente una ricerca responsabile nel campo delle bioscienze e incoraggiare tutte le parti interessate a fare riferimento alle Linee Guida sulla Biosicurezza di Tianjin per i Codici di Condotta degli Scienziati su base volontaria. Rafforzare congiuntamente lo sviluppo della capacità di biosicurezza dei laboratori, ridurre i rischi di biosicurezza e promuovere un sano sviluppo delle biotecnologie.

Rafforzare la governance della sicurezza internazionale in materia di intelligenza artificiale (AI) e altre tecnologie emergenti, nonché prevenire e gestire i potenziali rischi per la sicurezza. La Cina ha pubblicato dei documenti di indirizzo sulla regolamentazione delle applicazioni militari e sul rafforzamento della governance etica dell’IA ed è pronta a rafforzare la comunicazione e lo scambio con la comunità internazionale sulla governance della sicurezza dell’IA, a promuovere l’istituzione di un meccanismo internazionale con un’ampia partecipazione e a sviluppare quadri di governance, standard e norme basati su un ampio consenso.

Rafforzare la cooperazione internazionale sullo spazio extra-atmosferico e salvaguardare l’ordine internazionale nello spazio extra-atmosferico fondato sul diritto internazionale. Svolgere le attività nello spazio esterno in conformità con il diritto internazionale, salvaguardare la sicurezza degli astronauti in orbita e il funzionamento sostenibile e a lungo termine delle strutture spaziali. Rispettare e garantire l’uguale diritto di tutti i Paesi a utilizzare pacificamente lo spazio esterno. Rifiutare risolutamente la weaponization e la corsa agli armamenti nello spazio extra-atmosferico e sostenere la negoziazione e la conclusione di uno strumento giuridico internazionale sul controllo degli armamenti nello spazio extra-atmosferico.

Sostenere l’Organizzazione Mondiale della Sanità nello svolgimento di un ruolo di primo piano nella governance globale della salute pubblica e coordinare e mobilitare efficacemente le risorse globali per rispondere congiuntamente alla COVID-19 e ad altre importanti malattie infettive globali.

Salvaguardare la sicurezza alimentare ed energetica globale. Rafforzare il coordinamento delle azioni per mantenere il regolare funzionamento del commercio agricolo internazionale, garantire una produzione stabile di cereali e catene di approvvigionamento fluide, evitando di politicizzare e strumentalizzare le questioni di sicurezza alimentare. Rafforzare il coordinamento della politica energetica internazionale, creare un ambiente sicuro e stabile per garantire il trasporto dell’energia e mantenere congiuntamente la stabilità del mercato energetico globale e dei prezzi dell’energia.

Attuare pienamente ed efficacemente la Convenzione delle Nazioni Unite contro la criminalità organizzata transnazionale. Incoraggiare tutti i Paesi a concludere o aderire a trattati, convenzioni o accordi internazionali o a prendere accordi istituzionali per combattere i crimini transnazionali. Sostenere le tre convenzioni internazionali delle Nazioni Unite per il controllo delle droghe, salvaguardare il sistema internazionale di controllo delle droghe e sostenere il coordinamento, la responsabilità condivisa e la cooperazione sincera nella comunità internazionale per affrontare congiuntamente le sfide poste dal problema delle droghe e costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità che sia libera dai danni della droga. Condurre attivamente la cooperazione nell’applicazione della legge sulla base del rispetto della sovranità di ciascun Paese, in modo da migliorare congiuntamente la capacità di applicazione della legge e la governance della sicurezza. Sostenere l’istituzione di un sistema di formazione globale per formare nei Paesi in via di sviluppo un maggior numero di funzionari delle forze dell’ordine che rispondano alle esigenze di sicurezza dei loro Paesi.

Sostenere la cooperazione tra i Paesi nell’affrontare i cambiamenti climatici e nel mantenere stabili e fluide le catene di approvvigionamento e industriali, nonché accelerare l’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile, al fine di promuovere la sicurezza sostenibile attraverso lo sviluppo sostenibile.

IV. Piattaforme e meccanismi di cooperazione

Impegnarsi in ampie discussioni e comunicazioni sulla pace e la sicurezza presso l’Assemblea Generale, i comitati ONU competenti, il Consiglio di Sicurezza, le istituzioni pertinenti e altre organizzazioni internazionali e regionali in base ai rispettivi mandati, e presentare iniziative e proposte comuni per creare consenso nella comunità internazionale per affrontare le sfide della sicurezza.

Sfruttare il ruolo dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, della cooperazione BRICS, della Conferenza sull’interazione e le misure di rafforzamento della fiducia in Asia, del meccanismo “Cina+Asia Centrale” e dei meccanismi di cooperazione dell’Asia orientale, e portare avanti la cooperazione in materia di sicurezza in modo graduale per raggiungere obiettivi simili o uguali. Promuovere l’istituzione di una piattaforma di dialogo multilaterale nella regione del Golfo e valorizzare il ruolo dei meccanismi di coordinamento e cooperazione come la Riunione dei Ministri degli Esteri dei Paesi confinanti con l’Afghanistan e la Conferenza sulla pace, la governance e lo sviluppo Cina-Corno d’Africa per promuovere la pace e la stabilità regionale e globale.

Organizzare a tempo debito conferenze di alto livello sulla GSI per rafforzare la comunicazione politica nel campo della sicurezza, promuovere il dialogo e la cooperazione intergovernativa e favorire ulteriormente la sinergia nella comunità internazionale per affrontare le sfide della sicurezza.

Sostenere il Forum per la pace e la sicurezza Cina-Africa, il Forum per la sicurezza in Medio Oriente, il Forum Xiangshan di Pechino, il Forum per la cooperazione sulla sicurezza pubblica globale (Lianyungang) e altre piattaforme di dialogo internazionale per contribuire ad approfondire lo scambio e la cooperazione sulla sicurezza. Promuovere la creazione di un maggior numero di forum sulla sicurezza globale per fornire nuove piattaforme ai governi, alle organizzazioni internazionali, ai think tank e alle organizzazioni sociali per sfruttare i loro vantaggi e partecipare alla governance della sicurezza globale.

Creare un maggior numero di piattaforme e meccanismi internazionali per lo scambio e la cooperazione nell’affrontare le sfide della sicurezza in settori quali l’antiterrorismo, la sicurezza informatica, la biosicurezza e le tecnologie emergenti, al fine di migliorare la capacità di governance nel settore della sicurezza non tradizionale. Incoraggiare maggiori scambi e cooperazione tra le accademie militari e di polizia a livello universitario. La Cina è disposta a fornire ad altri Paesi in via di sviluppo 5.000 opportunità di formazione nei prossimi cinque anni per formare professionisti in grado di affrontare le questioni di sicurezza globale.

Il GSI, seguendo il principio dell’apertura e dell’inclusione, accoglie e auspica la partecipazione di tutte le parti per arricchire congiuntamente la sua sostanza ed esplorare attivamente nuove forme e aree di cooperazione. La Cina è pronta a collaborare con tutti i Paesi e i popoli che amano la pace e aspirano alla felicità per affrontare tutti i tipi di sfide di sicurezza tradizionali e non tradizionali, proteggere la pace e la tranquillità della Terra e creare insieme un futuro migliore per l’umanità, in modo che la fiaccola della pace venga trasmessa di generazione in generazione e risplenda in tutto il mondo.


Terminata questa lettura ognuno di voi avrà elaborato le proprie opinioni. Vi propongo un’interessante servizio di Ottolina TV: PAX SINICA, l’Iniziativa per la Sicurezza Globale cinese riuscirà a scongiurare la Grande Guerra?

0 0 voti
Rating articolo
Sottoscrivi
Notificami
Lascia un tuo commento
Lascia un tuo commento

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero. Lascia un tuo commentox