Antifascismo Eventi Fulmine è oltre il ponte Libri
William Domenichini  

Salone internazionale del libro di Torino 2019

Ci vediamo con Fulmine oltre il ponte, 12 maggio 2019 al “Salone internazionale del libro“,  che si svolgerà a Torino, presso l’Oval di Lingotto Fiere.

Incontreremo i lettori allo Piazza di spaccio di libri della stupefacente Marotta&Cafiero Editori (Padiglione 3 – STAND R116)!

Ciò che è avvenuto in questi giorni intorno al Salone internazionale del libro non può che suscitare una riflessione profonda, soprattutto per chi, come me, ha in programma di parteciparvi con un lavoro come “Fulmine è oltre il ponte“, un romanzo nella Resistenza. La decisione di concedere spazio ad una casa editrice vicina a Casapound non è, soprattutto di questi tempi, un fatto che può passare in silenzio, è un grave errore, sul quale chi di dovere dovrebbe porvi rimedio.

Ho provato a riflettere su ciò che è accaduto e sulla mia decisione di andare al Salone internazionale del libro di Torino 2019. Ciò che è avvenuto in questi giorni intorno al Salone internazionale del libro non può che suscitare una riflessione profonda, soprattutto per chi, come me, ha in programma di parteciparvi con un lavoro come “Fulmine è oltre il ponte“, un romanzo nella Resistenza. La decisione di concedere spazio ad una casa editrice vicina a Casapound non è, soprattutto di questi tempi, un fatto che può passare in silenzio, è un grave errore, sul quale chi di dovere dovrebbe porvi rimedio.

La potrete continuare a leggere qui.

0 0 voti
Rating articolo
Sottoscrivi
Notificami
Lascia un tuo commento
Lascia un tuo commento

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero. Lascia un tuo commentox