Opinioni
William Domenichini  

Un giorno di memoria, 364 di oblio

Un giorno di memoria, 364 di oblio? Ieri era il giorno della memoria, il giorno in cui si ricorda la liberazione del campo di sterminio di Auschwitz da parte dell’Armata rossa.

Oggi, domani, dopodomani e via via che ricordiamo? Ricordiamoci una parola, tutti i giorni, untermensch, che dal tedesco all’italiano diventa sub-umano.
Himmler (per chi non lo ricorda il capo delle SS) scrisse nel 1936 che era loro dovere preoccuparsi che mai più in Germania, nel cuore dell’Europa, possano scoppiare rivoluzioni di sub-umani ebrei o bolscevichi, sia dall’interno che dall’esterno, tramite emissari.

Beninteso che gli untermenschen erano considerati, oltre che gli ebrei, slavi, gitani, africani, elementi considerati asociali come omosessuali, criminali, mendicanti, giramondo, antifascisti, preti, prostitute, i profanatori della razza, i ritenuti moralmente degenerati, i disabili mentali, gli individui con un quoziente intellettivo inferiore a quella che veniva ritenuta media, le persone affette da malattie psichiche e, più generalmente, patologie ereditarie. Difficile stabilire delle cifre, ma questi “campi semantici” disumani hanno contato circa 15-17 milioni di vite umane straziate da morti orrende, in un climax che andava dalla fame alle malattie, dallo sfinimento alle camere a gas, passando per esperimenti eugenetici o test su tecniche di sterminio, solo perché “differenti”.

Primo Levi scrisse che i lager nascono facendo finta di nulla. Nessuna definizione di una tragedia fu più calzante, quando l’orrore e l’abominio si impossessa delle nostre quotidianità, quando ciò che è orribile e sconcertante non ci inorridisce e non ci sconcerta, ma ci rende aridamente indifferenti, i lager ritornano ad essere un orizzonte possibile.

Il 27 gennaio ricordiamo, gli altri 364 giorni appuntiamoci tanti triangoli nella mente.

0 0 voti
Rating articolo
Sottoscrivi
Notificami
Lascia un tuo commento
Lascia un tuo commento

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero. Lascia un tuo commentox