Tag: Flavio Biaggi

Flavio Biaggi, è un ufficiale della Marina militare, nato a Milano il 17 luglio 1966 ed ha frequentato l’Accademia Navale di Livorno dal 1985 al 1989.

Dopo aver conseguito i brevetti di pilota di aereo e di elicottero presso le scuole di volo della Marina degli Stati Uniti, è stato imbarcato in qualità di pilota di elicottero sulla Fregata Maestrale, dal 1992 al 1995, e successivamente sulla Fregata Libeccio dove ha ricoperto l’incarico di Capo Componente Volo dal 1995 al 1996, con il grado di Tenente di Vascello.

Nel 1997 ha frequentato il Corso Normale di Stato Maggiore presso l’Istituto di Guerra Marittima di Livorno e la Scuola di Comando Navale ad Augusta.

Dal settembre 1998 al dicembre 2000 è stato destinato presso il 6° Reparto Aeromobili dello Stato Maggiore Marina in qualità di Capo Sezione Studi del 2° Ufficio Studi e Nuovi Programmi conseguendo, nel gennaio 1999, il grado di Capitano di Corvetta.

Nel 2001 è stato inviato a frequentare la United States Naval Test Pilot School di Patuxent River (Maryland – USA) dove ha conseguito il titolo di Pilota Collaudatore Sperimentatore. Rientrato in Italia è stato destinato a MARISTAELI Luni presso il Gruppo di Lavoro EH101/NH90 ricoprendo l’incarico di Capo Sezione Sperimentazioni e Valutazioni Operative.
Promosso Capitano di Fregata nel gennaio 2003, dal febbraio 2004 al luglio 2004 ha frequentato il 104 Senior Course del NATO Defense College a Roma.

Dall’agosto 2004 al dicembre 2005 è stato Capo del Nucleo Sperimentale Aeromarittimo del 6° Reparto Aeromobili dello Stato Maggiore Marina, responsabile della valutazione ed introduzione in servizio dei nuovi aeromobili e sistemi della componente volo. Nel gennaio 2006, avvenuta la conversione del Nucleo in Centro Sperimentale Aeromarittimo, ha assunto l’incarico di primo Comandante del Centro.

Nel luglio 2009 è stato promosso Capitano di Vascello. Dall’ottobre 2009 al settembre 2012 ha svolto l’incarico di Direttore dei Corsi Allievi in Accademia Navale.

Dal 15 ottobre 2013 al 17 maggio 2015 è stato Capo del 1° Ufficio Coordinamento del 6° Reparto Aeromobili dello Stato Maggiore della Marina.

Promosso Contrammiraglio nel 2015, ha ricoperto l’incarico di Capo del 3° Reparto Piani, Operazioni e Strategia Marittima f.f. dello Stato Maggiore della Marina sino al 9 maggio 2016. Dal maggio al settembre 2016 è stato Capo del 7° Reparto Navi dello Stato Maggiore della Marina.

Dal settembre 2016 al settembre 2017 ha prestato servizio presso il Comando USA di CENTCOM, a Tampa (Florida), in qualità di Capo della Cellula Nazionale Interforze e Italian Senior National Representative (IT SNR).

Dal 7 novembre 2017 al 18 luglio 2019 è stato Comandante della 3^ Divisione Navale (COMDINAV TRE), Comandante della Task Force Anfibia (CATF) nazionale e vice Comandante delle Forze Marittime Italiane (Deputy COMITMARFOR).

Il 1° gennaio 2021 è stato promosso Ammiraglio di Divisione. Dal 24 luglio 2019 al 22 novembre 2022 è stato Comandante dell’Accademia Navale.

Dal 6 dicembre 2022 è il Comandante Interregionale Marittimo Sud di Taranto, incarico che ricopre fino all’aprile 2024, quando viene nominato Comandante Interregionale Marittimo Nord alla Spezia.

Analisi Il golfo ai poeti Libri Local

Parcheggio zona golfo, tariffa da concordare

Nel dubbio dove posteggiare una Landing Helicopter Dock, la Marina militare suggerisce parcheggio zona golfo, tariffa da concordare. Strategico è l’aggettivo imperante quando si parla di aree militari, anche quando la sua qualifica cozza con l’organizzazione, che è tutto, ma non in questo caso. La Spezia appare un paradigma nazionale, in cui uno degli spazi più […]

William Domenichini 
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!