Il golfo ai poeti al Canaletto
Eventi ed iniziative Il golfo ai poeti Libri
William Domenichini  

Il golfo ai poeti al Canaletto

Venerdì 12 luglio 2024, vi aspettiamo al Circolo ARCI Canaletto alla Spezia, per una serata in cui si incontreranno basi blu, musica e poesia.

Dalle ore 18.00, presentazione de Il golfo ai poeti, no basi blu, il libro di William Domenichini, che presenterà insieme a Giorgia Lombardi (Palmaria SI Masterplan NO, consigliera comunale LeAli). Musica e parole di Frances Reyner accompagneranno e seguiranno  la discussione. Interverranno Shelley, Byron, Ragnoli e Lawrence.

In un contesto di assoluta assenza di informazione, cerchiamo di creare un momento di confronto e discussione, su un progetto costoso e mai discusso; Basi blu. L’adeguamento agli standard NATO di una base decrepita, senza alcuna ricaduta nel territorio. Una narrazione avvolta da una montagna di ipocrisia, menzogne e retorica e soprattutto dall’assenza di un dibattito pubblico.

354 milioni di euro per adeguare la base navale spezzina agli standard NATO? In tempi di guerra, sembra che la soluzione per l’abbandono di 900 mila metri quadrati di territorio, sia nessuna bonifica, nessun posto di lavoro. Il golfo ai poeti (no basi blu) non è solo un libro. Da uno squarcio, nella storia del nostro territorio militarizzato, emerge la narrazione del presente. Nocività, veleni, abbandoni e disoccupazione, un’analisi dettagliata sul futuro avamposto, per i nuovi scenari di guerra.

La storia di una fabbrica che fu, perno di una comunità. In 70 anni, l’Arsenale ha perso il 95% dei suoi occupati, arrivando alla soglia della chiusura. Ma non un metro quadrato, dell’immensa area che ricopre, è tornato alla città. Anzi, quest’enorme area è. oggi, una realtà di abbandoni, amianto, discariche, veleni che continuano ad essere presenti, a poche decine di metri dalle case della gente.

Secondo il daltonismo della classe dirigente che governa ed amministra, la soluzione passa per l’adeguamento della base navale agli standard NATO. Una tinteggiata di finta sostenibilità che costa alle casse pubbliche una cifra esorbitante. Una scelta ed una decisione sulla quale chi rappresenta la comunità, nelle istituzioni, ben si è guardato dal confrontarsi pubblicamente. Una prospettiva che non creerà nessun posto di lavoro, anzi, aprirà le porte ad uno tsunami di privatizzazioni della Difesa. Un’occasione mancata per bonificare, razionalizzare e ridare alla città una parte degli spazi espropriati 150 anni fa.

0 0 voti
Rating articolo
Sottoscrivi
Notificami
Lascia un tuo commento
Lascia un tuo commento

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero. Lascia un tuo commentox