Emergenza golfo sulla Goletta Verde
Ambiente Eventi ed iniziative
William Domenichini  

Emergenza golfo sulla Goletta Verde

Sabato 29 giugno, in passeggiata Morin alla Spezia, ore 16.00, a bordo di Goletta Verde, ormeggiata presso il porticciolo Assonautica si terrà l’incontro Emergenza golfo: criticità e soluzioni. Sarà un modo di portare alla luce le criticità del golfo che fu dei poeti, dal rigassificatore di Panigaglia, alla questione delle grandi navi, dalla Palmaria a Basi blu. Introdurrà Ludovica Marinaro, parteciperanno associazioni e movimenti spezzini, , concluderanno Stefano Sarti (vicepresidente Legambiente) e Katiuscia Eroe (Resp. Nazionale Energia – Legambiente).

A bordo dell’imbarcazione di Legambiente, un momento di condivisione delle criticità e delle emergenze che esistono nel golfo spezzino e che le prospettive che potrebbero peggiorarne la sicurezza, la salubrità. Questioni locali, fortemente legate con le dinamiche globali, che confliggono con l’equilibrio ambientale e sociale delle comunità del golfo spezzino, sempre meno poetico. Un momento di confronto, in un contesto in cui si fatica sempre più a far emergere le criticità delle trasformazioni che incombono sul golfo spezzino. Ma soprattutto un momento di discussione e di partecipazione.

L’iniziativa ospitata sulla Goletta Verde di Legambiente, riguardo all’emergenza del golfo spezzino, fa parte di un programma di Goletta Verde alla Spezia.

Venerdì 28 alle 15,30 presso la Cooperativa Mitilicoltori (Santa Teresa-Lerici) si terrà il seminario sul progetto Life Muscles. Alle 18,30 a bordo di Goletta, presso il pontile Assonautica alla Spezia, aperitivo a base di mitili e ostriche, in occasione del progetto Life Muscles. Sabato 29 alle 10,30 a bordo di Goletta con il Parco Nazionale delle 5 Terre si parlerà di mobilità marina elettrica nell’ area marina protetta.

0 0 voti
Rating articolo
Sottoscrivi
Notificami
Lascia un tuo commento
Lascia un tuo commento

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
3d book display image of Il golfo ai poeti

L'ultimo arrivato!

Questo bellissimo saggio ci racconta come la cultura di guerra e di morte genera gli stessi mostri in tutto il Paese: pessimismo, obbedienza, passività, senso di sconfitta, conformismo, opportunismo, clientelismo. Figli di un dio minore, vittime e colpevoli allo stesso tempo dei propri mali. Politici e rappresentanti istituzionali fotocopia. Iene e sciacalli ai banchetti delle opere pubbliche e gattopardi perché cambi tutto purché non cambi nulla.

Lo scenario che ci delinea e ci offre queste pagine che seguiranno è certamente doloroso, tragico, inquietante, ma in questo suo coraggioso e generoso atto di denuncia traspare sempre lo smisurato amore per La Spezia, per il suo Golfo, il suo Mare. Pagine e immagini che feriscono il cuore ma in cui respiriamo ancora speranza ed utopia. Che un’altra città sia davvero ancora possibile, viva, libera, aperta, felice. Un laboratorio di Pace.

Antonio Mazzeo

ORDINALO!
0
Mi piacerebbe conoscere il tuo pensiero. Lascia un tuo commentox